virus

Quando tutto sarà finito

Quando tutto sarà finito riapriremo le nostre porte, il telefono tornerà a squillare, ci saranno mail da leggere e da rispondere.

Poi per staccare un po’, andremo a prenderci il caffè in piazza e parleremo con gli altri del paese.  Qui ci si conosce tutti e discuteremo degli eventi in programma, diremo la nostra, anche animatamente. Ci sarà sempre quello che si lamenta di tutto, a cui non va mai bene niente, ma tanto lo conosciamo, è fatto così.

Quando tutto sarà finito andremo dai nostri vicini, il portone accanto, quello che agli ospiti descriviamo come il nostro ristorante partner, ma in realtà sono i nostri amici, Valentina e Guido. Ci offriranno l’ennesimo gradito caffè e discuteremo dei pacchetti da creare insieme, di cosa offrire a chi verrà per visitare il nostro territorio.

Quando tutto sarà finito torneranno i turisti, perchè Caramanico è bella. Tutta l’Italia è bella, ma lasciateci un po’ di sano campanilismo, la nostra terra è meravigliosa: c’è ancora l’aria buona, la Majella ci guarda dall’alto e ci protegge, ci fa sentire racchiusi nel suo abbraccio protettivo di madre, anche ora che abbiamo un po’ paura.

Quando tutto sarà finito già me li vedo arrivare dalla porta d’ingresso i nostri ospiti, le famiglie con i bambini o quelli che indossano gli scarponcini da montagna, vengono un po’ da tutta Italia e anche dall’estero.

Quando tutto sarà finito torneremo a parlare con loro, ci scambieremo le idee, loro ci racconteranno le loro vite e noi parleremo delle nostre, suggeriremo i percorsi da fare, descriveremo la Valle dell’Orfento, bisogna andarci, è a due passi, racconteremo delle nostre acque, la nostra ricchezza. Poi dopo qualche giorno andranno via e noi spereremo sempre di aver reso il loro soggiorno un’esperienza da ricordare.

Quando tutto sarà finito ricorderemo questi giorni difficili d’isolamento, ricorderemo della distanza sociale che abbiamo dovuto mantenere, noi viviamo di vicinanza sociale, il nostro lavoro è fatto di questo e ricorderemo quanto il sacrificio di questi giorni sia stato necessario affinchè potessimo uscirne più forti di prima. Poi torneremo a prenderci un altro caffè.

Con affetto lo staff dell’ Hotel Pescofalcone